Servizi
Contatti

Eventi


Eccellenti composizioni poetiche racchiuse in un libro degno d’esser letto ed ampiamente divulgato: ecco “Miraggi”, di Pietro Nigro, un poeta che ha una profonda conoscenza di ogni alito d’anima, un poeta che non usa inutili orpelli d’abbellimento, che non ricorre all’artificiosità, ma che scrive la sua poesia amalgamandola con una personale e lirica riflessione, con l’universalità del pensiero e con la bellezza delle parole. Questa stretta comunanza di pensieri e parole, determina una poesia che si snoda in una forma sinuosa, con assonanze dolci, cadenzate, pastosamente musicali e sonore.

Le tematiche spaziano in un vasto cielo, ma sul fondo più remoto di ogni verso del Nigro, sta annidato l’amore, soprattutto quello per la sua Sicilia, per questa terra in cui prevale – malgrado negative realtà di oggi – l’indiscussa potenza di una bellezza naturale tale – talvolta – da togliere il fiato. In queste poesie, l’ombra delle miserie umane si perde nei mille rivoli della Storia, ma il sole della Speranza risplende vivido e non si consuma fra i meandri oscuri che occultano lacrime e sangue. Esso brilla nel cuore del poeta e nel cuore della sua gente, mentre il vento di scirocco passa, col suo fiato caldo, tra le antiche mura delle chiese barocche e lungo vie che, con i loro monumenti e i loro palazzi, regalano agli occhi immagini di epoche lontane, di dominazione araba e normanna …

Ed in primo piano di questo coinvolgente “dire” poetico, c’è anche l’anima del poeta Pietro Nigro, un’anima dentro la quale si ravvisano le molteplicità delle sue emozioni. Così, diventa quasi udibile il dolore che colpisce la sua sensibilità per l’indifferenza del mondo, per le delusioni subite, per le immancabili paure del futuro, per le nostalgie del passato. Ed è udibile anche la voce angosciosa di un Sud trascurato e trafitto che non vuole più mortificanti silenzi, ma anche vedere mani realmente tesi in atto di sincera fraternità. Tutto questo esplode in un contesto di vissute realtà. E con ottima abilità creativa, la poesia di Pietro Nigro assume un ruolo importante tanto che nel dolore, nella malinconia, nella solitudine interiore, diventa un vero e proprio appiglio per uscire dal marasma di quest’universo così scompigliato e sconvolto.

Le poesie contenute in “Miraggi” vagheggiano orizzonti sereni e archi di luce capaci di creare speranza. Ed anche se questa speranza spesso è un alimento illusorio dell’uomo, può ben tramutarsi – come certo aspira intensamente il poeta Nigro – in un punto luminoso, in una luce ferma, in grado di fugare le tante disperazioni umane. In questo anelito di rinascita, la poesia diventa simile ad una fiaccola, un lume forse lontano, ma tenero come un volo di rondini tardive, uno strumento il cui suono dolce può raggiungere il cuore di tutti, per avere “Confini d’astri” e salvare il pensiero dall’oscurità del tempo, “Per vivere”, riempiendo la vita anche di fantasie, per evitare che la vita cada nei “Dimenticatoi del tempo”, come dice – con estrema chiarezza – il poeta Pietro Nigro, che sa bene come dare certezza all’incorporea e volatile sostanza delle parole.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza