Servizi
Contatti

Eventi


Solo per lei, effemeridi baciate dal sole

Il poeta è stordito dal bisbiglio del battito delle ciglia, dalla fierezza delle sinuosità, dall’istante che non conosce tempo sì che ogni parola, ogni gesto acquista valore solo e se c’è lei. L’azzurro degli occhi specchiano il cielo o la marina, i capelli d’oro rapiscono al sole abbacinanti riflessi, la voce è di fluide sonorità che aprono alla scoperta panica di un approdo sicuro.

Solo il suo incontro reintegra nell’esserci e fa annegare l’indifferenza di chi si incontra a passi svelti o lenti che incedono tra chiacchiere e silenzi. I ponti del Lungotevere proteggono dal vocio di scarpe che si inseguono / nelle parole e negli abbracci di chi si vuole bene. Vivere d’amore e solo per l’altro che si contempla e completa se stessi giustifica il coltivar solo che baci.

Faro è l’amore contro ogni uragano del perfido malinteso che spinge a incagliare nello scoglio, contro ogni sospetto, dubbio che aggiunge nebbia e oscurità. Solo l’amore permette di tornare dalla deriva/ a ritoccar la riva che è testimone dei baci dati a mille di catulliana memoria.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza