Servizi
Contatti

Eventi


Continua a essere quello di sempre, il mondo: bambini al lavoro, strappati all’infanzia e all’innocenza; dure partenze tra valige e addii in stazioni affollate da solitudini anonime e desolate; madri di figli lontani cupidamente falciati dal capitale; treni che scompaiono all’orizzonte, senza promettere ritorni; città che crescono uomini per poi subito espellerli; vedove bianche che attendono i mariti; corpi sulla strada del ritorno, la sera, a nutrire speranze per figli sballottati a nord…

È questa la sostanza di cui si nutrono le liriche che Filippo Giordano ha pubblicato nella raccolta Nebrodiversi, un libro dedicato a un lembo aspro e selvaggio della sua Sicilia, solcato dai Nebrodi selvosi, ricchi di bestiame e gorgoglianti di acque vogliose di riempire le conche agli aranci. D’estate, la terra di cui parla il poeta è ben lontana e diversa da quella raccontata, a luglio, nelle riviste che affollano di vacanze le pagine; è terra di fatica, tormentata dal giogo pesante del sole e abitata da frammenti d’eterno: uomini silenziosi, tra le zolle: che nulla sanno di spiagge famose, mentre riposano le braccia, all’ombra dell’ulivo, sordi, per abitudine, al continuo e monotono frinire di cicale.

Filippo Giordano se lo sente scorrere nel sangue lo spirito antico e schietto della terra in cui è radicato. Nel sangue e nella memoria passano: il padre, col suo mezzo ettaro di terra seminato a grano e un poco d’orto sotto la fontana; i covoni portati a spalla sull’aia; l’odore di provole e ricotte per le strade; e ancora: freddo, inverni, rumori di topi; dolci di pasqua, frutti di fichidindia, canestri di filastrocche, appesi vicino ai bracieri…

Giordano sa che le parole non bastano a restituire vita alle cose; ma sa pure che, grazie ad esse, il poeta può rievocare la fragranza e la purezza del pane dell’infanzia. Perciò continua a cantare. E lo fa con versi limpidi, coinvolgenti e, soprattutto, tesi ad annunciare albe di speranza e di riscatto.
Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza