Servizi
Contatti

Eventi


Rudi De Cadaval, apprezzato e stimato autore dei nostri giorni, costante presenza del dibattito letterario e poetico, interviene ora con la sua ultima creatura Mi assolvo da solo, suscettibile di qualche aggiustamento grafico e editoriale. In quest'opera poetica De Cadaval, usa un linguaggio maturo, dal verso ora breve ora lungo, comunque sciolto, leggero e comprensibile, che si carica di ,figurazioni simboliche e fa uso dell'energia e della forza che si sprigiona dalla metafora. Ne risulta un verso robusto pregno di significazioni esistenziali e che scava nell'interiorità, fino alle radici, dove il poeta non ha paura di cogliere e confrontarsi con la propria fragilità di uomo, per sapersene poi allontanare e riportare il suo contributo alla vita.

Un'opera. quindi, interessante e che è un utile contributo, per comprendere e penetrare, con più partecipazione e chiarezza nel complesso mondo decadavalliano, soprattutto sul suo versante esistenziale e spirituale. Un'opera in cui il poeta, con equilibrio e responsabilità, si muove sul filo della memoria e in compagnia del tempo, ora per rivisitare le note tristi dei periodi bui della propria vita e chiedere ai ricordi il senso di ciò che accade; ora per scoprire e riconfermare alla vita tutta la sua voglia di esserne partecipe e continuare ad offrire il suo prezioso contributo, per l'affermazione della pace e dell'amore. Un libro di poesie nel quale l'uomo e il poeta camminano insieme e De Cadaval non si risparmia in sincerità e macerazione interiore, e che fin dalla prima poesia mantiene un tono elevato nel dettato poetico. In Tela della mia vita, dedicata a Claudia. c'è già, infatti. il nucleo del messaggio spirituale d'amore, che poi l'autore svilupperà per tutta l'opera, in un crescendo di visione allargata, che include la propria ideologia del programma di pace e di incontro con l'altro. sia esso l'espressione dei nostri fantasmi inconsci, sia l'uomo straniero e dilaniato dalla guerra. ovvero il popolo oppresso da interessi politici o economici. La tela, in bianco e nero, diventa allora la metafora della vita, che acquista gradualmente i colori. mano a mano che il cuore si apre ai profumi e alla bellezza della donna, capace di ridare sapore e vigore alla vita. Il grigio spento della luce interiore diventa così l'esperienza di sofferenza e di dolore, da cui possono ripartire i progetti creativi, che De Cadaval ci fa conoscere attraverso questo libro.

Nessuna oppressione è eterna, titola il poeta e poi, con lucidità visionaria, ripercorre strade che dalla morte riportano alla vita come metafora di un percorso evolutivo e esistenziale: "...Sotto strati di terra il figlio | calpesta il padre, la figlia partorisce sulla tomba | della madre. | Spiriti fluttuano sui tetti | con una grande tenda di silenzio e sangue riparano i vivi | dall'alta marea dell'elemento...", pp. 9-10. E ancora, in Frutto di ventre così il poeta confessa: "Nato in casa della morte, | bruscamente svegliato da nulla, | sarai l'unico amico del tuo esilio, | ...Ti sei svegliato da un cieco sonno...|...e non confermare nulla tranne la tua esistenza..." pp. 11-12. Poesie che, certo, meritano di essere lette per intero e essere meditate; poesie ehe  necessiterebbe commentare più completamente, per godere di tutta la loro bellezza e forza espressiva: "...Sulla porta che schiudeva | tratti di volto: Camillo, Neida, Elio, Lionello... | La Signora della notte ti incarnò in sé. Nel bosco dei morti, | nel bosco delle lingue morte si perse il libro del tuo corpo..."), p. 14. In sostanza "non mi riguarda più, quel penetrante | gelo della canna accostata alla mia bocca | il 12 dicembre '44, | non mi riguarda più...", può dire con distacco il poeta e... Mi assolvo da solo egli afferma con piena autonomia e autoconsapevolezza di essere un valore per sé e per gii altri, da scambiare e completare in un abbraccio di coralità, che diventa dettato spirituale cosmico, dove il singolo scompare per vivere e ritrovarsi nell'eterno ("...quando... nulla di noi resterà... noi rivivremo... e saremo l'acqua del fiume... innamorati seduti sulla riva... per portarvi più in alto di voi stessi.), p. 31. L'impegno è, dunque, più che civile, più che umano. perchè è impegno poetico di sacralità e di universalità cosmica, che vince sull'effimero e sulla contingenza del vivere, per diventare parola eterna ("...voglio alzarmi e andare | alla terra perduta | dove le anime soffiano scrivendo sull'acqua."),

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza