Servizi
Contatti

Eventi


Il titolo di questa pubblicazione è di per sé significativo: si tratta qui di un rapido, essenziale excursus esplorativo concernente le chiesette del Cadore, immerse nel silenzio e nella solennità dei monti, chiese che sovente rievocano quell'estremo bisogno di raccoglimento e d'interiorità dell'uomo che spesso emerge dalle burrascose e tumultuanti vicende della vita contemporanea.

L'autore, Antonio Chiades, laureato in filosofia presso l'Università di Venezia e autore di saggi e di altre opere pubblicate nell'arco temporale che si estende dal 1984 ad oggi, descrive, con grande delicatezza e attenzione, dodici luoghi sacri sparsi tra i monti (e qui ben raffigurati dai preziosi disegni di Franco Losso) e ne sottolinea la struttura architettonica, lo stile, il contesto ambientale e abitativo, le decorazioni interne, gli affreschi, i reliquiari, le statue, i dipinti presenti, in una sintesi conoscitiva di tutto rispetto e attraverso citazioni di documenti storici e diligente cronologia dei fatti. Per ogni chiesa, dunque, si delineano accenni a costruzione originaria e a successivi restauri, narrazione relativa alla vita dei Santi cui essa e dedicata, testimonianze vane di devozioni paesane, esposizione di eventi prodigiosi ad essa legati e di guarigioni tramandate: visioni d'insieme della fervente religiosità d'un tempo.

Tulle le descrizioni sono avvalorate non solo da documenti storici e da ricerche dovute a tesi di laurea citate al termine del libro, ma anche e soprattutto da quell'atmosfera di affascinante spiritualità che si sprigiona chiara dall'animo dell'autore e che, dominando in tutta l'esposizione, conferisce al testo assoluta freschezza e viva sincerità espressiva.

E' uno studio "per l'uomo" (come viene giustamente sottolineato nella presentazione dagli Assessori della Provincia di Belluno, Daniela Templari e Matteo Toscani) "proiettato alla ricerca dell'Assoluto, del volto di Dio, sospeso come tra l'estasi della bellezza naturale e il desiderio, tutto e solo umano, di trascenderla".

Ogni chiesa racconta Dio, ma queste, piccole e disperse tra valli e rilievi, aperte all'infinito, sanno certamente entrare nell'intimo dell'animo, per liberarne gli affanni e ricondurre l'essere a quell'"antico implorare" che dovrebbe ancora oggi richiamare al tangibile senso d'una fede primitiva equilibrata, libera da infruttuose incrostazioni terrene.

Bella testimonianza, dunque, artistica e religiosa insieme, che può risultare di valido aiuto culturale e spirituale non solo per la popolazione del luogo, ma anche per chi volesse, in vacanza come Papa Benedetto XVI a Lorenzago o in piccola escursione voluta, trovare momenti d'intenso e vero ripiegamento interiore.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza