Servizi
Contatti

Eventi


La storia è avvincente; non è certo di quei libri che si lasciano leggere anche pensando ad altro né di quelli che si leggono per non pensare ad altro. Esige attenzione ed una mente sempre presente ed attiva, pena il perdersi. La trama incalza il lettore fino a non lasciargli intravedere una soluzione possibile e successivamente fino a spingerlo ad ipotizzarne di inverosimili.

Nel corso della lettura mi è parso di intravedere diverse anime, spesso con elementi di contrapposizione. L'ambientazione, specie gli interni, sembra rimandare al primi del '900, scarsi accenni ci dicono invece trattarsi della seconda metà del secolo scorso. Anche la scrittura, che ha connotati letterari e non cede mai al lessico parlato, neppure nei dialoghi in modo eccessivo, pare non appartenere alla nostra epoca. La passione la sofferenza e la disperazione, il peso della fortuna e della sfortuna fanno pensare al feuilletton di rango, penso a Balzac, ma sono assenti i forti coinvolgimenti sociali e le aspirazioni pubbliche che fanno della scrittura di quell'autore uno spaccato della società dei suoi tempi. Qui invece le vicende personali non escono mai da una stretta cerchia di rapporti per lo più parentali: il solo esempio di un certo peso è quello dell'incontro casuale con Willy, molto bello e tanto contestualizzato che insieme all'uso dell'autostrada costituisce l'elemento di più certa datazione della storia. Qualche cenno di modernità allontana dal romanzo d'appendice le pur intricate vicende parentali famigliari e d'amore e le avvicina alla sua evoluzione che attraverso il fotoromanzo giunge alla telenovela, ma i personaggi fra cui tali vicende vorticano sono troppo pochi e quasi tutti ristretti al nucleo di una famiglia anche se allargata. Più marcate evidenze moderne si possono registrare nell'uso di sprazzi di memoria nel corso della storia, insieme a momenti che paiono tingersi di giallo fino a certe situazioni che richiamano il genere "pulp" ma si tratta di momenti isolati, come quelli in cui del lessico parlato viene usata la parte triviale, normalmente in uso alla televisione spazzatura, momenti che coincidono con fatti particolarmente sconvolgenti o conflittuali per un protagonista. Questa impressione di modernità viene palesemente contraddetta dalla scelta di condurre il romanzo attraverso la testimonianza di una giornalista, metodo molto usato in tempi passati.

Pur non giungendo al gotico la vicenda ha toni cupi, unico momento di leggerezza, a mio parere, è nel viaggio a Roma, pur se sovrastato da rimorsi e sensi di colpa. Anche il finale, pur tingendosi di rosa, non riesce a dissolvere le nubi precedentemente addensate.

Nonostante le contrapposizioni registrate la scrittura tiene il suo livello per tutta al stesura, solo qualche piccolo neo, quasi impercettibile, la cui estirpazione secondo me non avrebbe compromesso l'insieme: marlboro (con lettera minuscola), Ray-ban (con lettera maiuscola) e il testo di una nota canzone, tutti eccessivamente citati. Il richiamo a Willy il coyote, invece mi sembra più integrato nel fatto in cui si inserisce.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza