Servizi
Contatti

Eventi


Repertorio d'infinito, quinta silloge di versi di Giovanna Fozzer, cui la poetessa ha dovuto prestare particolare cura per la levigatezza e l'alta cifra stilistica che la contraddistingue facendone un libro solo apparentemente semplice, è uno dei migliori testi di poesia pubblicati negli ultimi anni.

E' un libro sapientemente costruito nell'articolata partitura in cinque sezioni tematiche contigue, nelle quali risultano definite "le forme del visibile" – come nota in prefazione Francesco Giuntini – in una sorta di soliloquio-colloquio con luoghi e paesaggi e cose della più elementare terrestrità però capaci di tenere costantemente ritte le antenne dell'io agens, volto a comprendere l'essenza metafisica della sua promenade fisico-mentale e i significati assoluti dell'occasione e del vedere.

Libro dell'anima, perciò, che misura il proprio pausato avanzare verso l'altro o l'altrove tra i referti minimi dell'esistenza e le pagine implicite del libro perfido del consumismo moderno, in un tentativo di decriptazione di segni che lascia un varco alla proiezione escatologica e scandisce nei reperti della res extensa il trapasso dall'umano al divino, librandosi dal cerchio dell'orizzonte sensibile ai cieli sereni d'una intuizione più alta. Libro di profonda solitudine, anche, e, se vogliamo, di romantica malinconia, di pianto sommesso sulle sconfitte del tempo e sulla memoria, nelle quali la vita mortale si involve ribellandosi alle prospettive del nulla. Per questa visione, così tanto ossessivamente reiterata in ogni cosa veduta e ritratta, l'autrice postula un suo alto luogo elettivo, materialmente individuabile "lassù", Dall'alta terrazza, donde chiarisce e lancia il suo manifesto poetico nella forma dell'interrogativo retorico.

Cos'è la poesia per Giovanna Fozzer? Forse "un mescolare" il "vero immediato" con "gli elementi di cui sono ricche | le acque nostre interiori"? Esattamente questo, se il moto lirico trova la sua motivazione e la sua genesi in un dato oggettivo ("quasi incrostazioni marine | sul grande dolio di Terracina") che suggerisca una visione dolente e un rammemorare intriso di umanissimo pathos. Il "contemplare" e "il rimembrare" leopardiani, dunque, aggiornati dall'urgere del correlato oggettivo impiegato anche ai livelli minori e minimi di realtà reiette e fatiscenti e comunque di poco significato intrinseco di per sé presi, ma sublimati dal calore d'una amorosa visione capace di leggere una particola d'infinito anche in un relitto di plastica agonizzante su una spiaggia deserta tra innumerevole ciarpame reietto. E non è un caso se i modelli implicitamente richiamati, Gozzano e Montale, siano per conferire ai versi della scrittrice e al suo procedere tra le rovine del mondo il senso di un rinnovato seguitare la muraglia o suggerire la triste réverie d'una pioggia osservata con angoscia in interminabili fili d'argento. Però, laddove le alchemiche visioni del gelido sofista subalpino e l'interiore deserto del poeta delle Cinque Terre si rivelano tragicamente arenate sulle riviere del nulla, dentro questa stessa realtà nullificata Giovanna Fozzer pianta i vessilli del divino e sa essere spiritualmente. D'altronde, se lo stesso fare sliricato della poetessa consente di assumere il termine "liricità" esclusivamente nel suo significato generativo e di riportare il ductus entro l'alveo d'un neocrepuscolarismo di grande valenza religiosa, è proprio a questi modelli che bisogna guardare per comprendere gli archetipi per così dire "ideologici" di questa poesia, che per altra via possono bene individuarsi in Margherita Guidacci e nella amatissima Cristina Campo di Passo d'addio, e più de Gli imperdonabili, della quale si condivide in exergo "la quasi mortale felicità dello sguardo senza possesso", nell' àmbito di Cotanta speme leopardiana aperta pur essa a un' "illuminazione mentale" di diverso e fortificante significato. Né si creda che l'approdo illuminante di Giovanna Fozzer sia colorato d'azzurro e interamente pacificato, perché la sua fede è la dolenza che l'accompagna, lo smarrimento inquieto nella pretesa armonia dell'universo, colto per epifanie di frammenti da una postura che a volte riflette la dinamicità delle forme dell'essere (si veda la sezione Cortometraggi e particolari), altre volte inclina ad un procedimento piuttosto statico della visione (si vedano i Paesaggi), ridotta nello spazio breve della distanza che corre dall'evento all'intelletto così illuminato: "Amare è un guardare tale | che negli occhi entra il veduto | fluisce | ed occupa infine la mente". Il quadro complessivo rappresentato, comunque non riducibile ad un unicum che non sia la divina substantia celata sotto il velame, è quello d'una armonia che al fondo rimane inquieta e manchevole di sfondo umano, se la presenza del proprio simile risulta come criptata nel testo, e solo due volte il libro si apre a uno struggente colloquio d'amore con chi ha già oltrepassato la soglia della vita mortale. Ciò accade nella reduplicata similitudine di Osmosi, conclusa nell'intimo sentire della sublimazione lontana ("Come tu lievitassi in ogni attimo, | fiorissi in me, soave amato | infinito pallido cobalto d'orizzonte | che da lontano posso infine amare"), e nell'inesausto desiderio di comunicare, in Missiva, con chi ha lasciato unicamente la sua orma indelebile su ogni cosa caramente diletta: "Una lunga lettera amorosa | vorrei, o amato, | saper scrivere a te, | signore della lealtà, | principe della misura e dell'assenza, | in questo discorrere azzurro | di stagione e vita vitale,  | suprema". Repertorio d'infinito è – come si diceva – un libro di rastremata eleganza: magistrale per chiarezza di linguaggio e nitore espressivo, infallibile nella scelta lessicale e semantica e nella collocazione giusta della parola sottomessa a un ritmo di cadenza classica. Un testo che sorveglia la liricità e forse nutre l'illusione di un canto che si sa perduto e, oggi, di difficile frequentazione: specchio dell'anima che si vorrebbe serena e in Dio pacificata attraverso le lodi delle creature inerti e viventi.

In questo libro della Fozzer è attuato quell'arduo procedimento estetico che si definisce semplificazione (nel suo caso si tratta di e/semplificazione). In esso non troverete più di quattro o cinque endecasillabi, uno citato l'altro criptato in una misura più lunga o franto in segmenti minimi, l'altro ancora al grado zero della scrittura, pochissimi evidenti e sonori, ore rotundo, comunque minati dall'enjambement o dalla cesura strofica: "Un soprassalto se dall'ombra scura"; "fin dentro la città franta ed antica"; "e le petunie rinate ad ottobre". Ma questa opzione stilistica era l'unica via da percorrere per tentare da riva dimessa le vie dell'Assoluto se, rispetto ad esso, polvere e fango si conferma in esistere il nostro periclitante soggiorno terreno tra le cose, tra gli uomini, su una piaggia silente popolata di scaglie lucenti e inutili. Albero o vascello o mosca o fiume o piuma, Repertorio d'infinito risulta infine essere, anche nella sovrabbondanza esemplificativa, un sostanziale agostiniano vergiliato per le epifanie del divino (et eunt homines ad flumina ad montes ad lacus et obliviscuntur se ipsos), capace di coinvolgere il lettore in una sorta di religioso inno alla poesia cantato in tono minore da chi dalla vita non ha tratto sostanziale ricchezza, se dovizioso non fosse il proprio drammatico vivere a latere da presunta oggettiva distanza, in realtà ben dentro le cose e il loro senso recondito, vale a dire ben dentro se stesso e le proprie interiori risorse.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza