Servizi
Contatti

Eventi


Titolo originale, intrigante: perché mai la cartomante dovrebbe sospendere il suo "gioco"? Si badi bene: gioco, non divinazione, Perché il poeta ormai conosce quella regola dell'esistenza che consiste nell'altalena chi speranza/illusione/delusione/rassegnazione. Il materialista, però, di fronte a questa quasi immutabile legge, cade nello sconforto; non così il nostro, consapevole che la poesia. è "una turgida aspirazione verso l'Assoluto". La sua parola tersa può quindi scandagliare senza timore le profondità del mistero della vita, sapendo che, a chi li sappia cogliere, si offrono sempre "guizzi di grazia", ed è anche capace di accettare senza preavviso "il caldo invito alla resurrezione", lasciandosi alle spalle "seduzioni di stelle". Silenzio, amore, apoteosi, sono termini ricorrenti in questa poesia, che non offrono alcun varco alla disperazione, anche nei "giorni impalliditi". Vertice di sintesi e acutezza di pensiero è "Morire vincendo", un testo di fede esemplare, oltre che di vera poesia.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza