Servizi
Contatti

Eventi


Donna Luna

Poesia. La Luna è un simbolo squisitamente femminile, ma diversi sono gli aspetti e gli influssi che ha generato anche in poesia: superfluo ricordare i tanti poeti che ne hanno tratto ispirazione. Eppure ogni volta quel fascino misterioso ci coinvolge, e mostra un lato nascosto, come qui nella lirica eponima ove affiora l’oscura Lilith: forse proprio da questa sua inquietante figura nascono il desiderio e la ricerca.

Perciò l’immagine influisce in senso chiaroscurale avvicinando la natura alla metafora, essenziale quando si parla della vita nelle sue molteplici forme, non solo umane, e quindi le rugginose foglie fanno parte di un eterno ciclo che sempre si rinnova e pare mai fermarsi, come per una inderogabile legge fissata da un’entità inconoscibile nella sua sostanza.

Tale ispirazione, spesso di luminosa bellezza, si trasmette al cosmo, come elemento superiore entro cui si può penetrare con il pensiero sino ai confini dell’ignoto. In genere le poesie appaiono in una dimensione che valica il tempo, ma si incontrano luoghi del mito e della realtà, senza nulla perdere di una loro tendenza metafisica. Poi accade che, dopo i voli della fantasia, siamo di fronte alla quotidianità, e allora il tempo sembra non scorrere, ma è percezione individuale, le ore diventano anonime, ma l’emozione non si annulla, voci ci vengono dal passato, il nostro e l’altrui vissuto, l’implacabile e forse incomprensibile giustizia che sovrasta esseri e cose.

La poetessa però ne trae quella forza interiore che ci spinge ad attendere una luce di speranza, e in tal caso la memoria può rappresentare il futuro se davvero nella materia e nello spirito niente si distrugge.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza