Servizi
Contatti

Eventi


Scritture d’attore. Rifrazioni artaudiane nel teatro italiano.
Carmelo Bene, Rino Sudano, Socìetas Raffaello Sanzio

Saggistica. Per il linguaggio specifico riferito al teatro questi saggi si raccomandano in modo particolare agli studiosi che potranno ricavarne preziose indicazioni. I quattro capitoli quindi seguendo una linea coerente secondo un’ottica che gradualmente definisce gli elementi in campo, approfondiscono le tematiche rivelandone i meccanismi riferiti agli eventi teatrali.

Certamente il teatro di Artaud, noto come teatro della crudeltà, rompe quegli schemi che ancora a una certa epoca – primi anni del secolo scorso – erano consueti. Ma è l’insieme dei passaggi che qui interessa: dal copione scritto, all’esecuzione recitata, agli altri aspetti connessi, quali la gestualità e perfino gli oggetti di rappresentazione.

La lettura che Dessì propone può anche non venir recepita nella sua effettiva sostanza, ma è comunque una visuale che scava a fondo e rileva ogni pur piccolo dettaglio. Il corpo diventa dato efficiente, non esclusiva presenza. L’interpretazione che prevede la fissità della parola si amplia secondo più direttrici. Ci sembra che Artaud capovolga i termini evitando il dualismo che contrappone materia e spirito, due parole da intendersi in modo più esteso. Scrive Dessì che la parola è un organismo, e non poteva meglio definirla, e come ogni organismo presenta dei mutamenti, di senso e di esercizio.

Su Carmelo Bene è necessario dunque rapportare l’idea di teatro classico a quello aperto, fino al paradosso. Di uguale spessore i due saggi che riguardano Sudano e la Socìetas Raffaello Sanzio. La vasta bibliografia riguarda i soggetti esaminati, oltre a diverse opere consultate, testimonianza di quanto impegno sia necessario per realizzare un libro come questo.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza