Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Un felice esordio per la non comune qualità dei testi: le letture al femminile (cfr. p. 91) non influenzano (o, forse, idealmente) lo stile dell’autrice che pone come suo fulcro espressivo la parola, organizzata in sé ma aperta alle suggestioni del reale che la fantasia traduce in lucido ‘magma’: ‘il verbo diviene perfino tattile, si sente concretamente, al di là del suono e di metafore che introducono all’oltremondo linguistico; la storicità entra quando il seme della violenza sopraffà la ragione, e la natura si snatura in doloroso simbolo, e ‘il fiume è cicatrice aperta’ (Ad Amina – Baghdad 2008). Più che distinzioni tra femminile e maschile, conta il senso finale del fare poesia, che in quest’opera prima perviene al suo più intenso significato.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza