Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Nella breve introduzione la poetessa spiega ‘perché Cabricia e il serpente’ — seppure il serpente simbolo abbia in diverse culture perfino valenza positiva. L’opera è sostanzialmente divisa in tre parti. Fin dalla prima si nota un’eleganza affidata in particolare alle immagini, spesso di origine minerale, che, creando una specie di iridescenza (l’arcobaleno è ricorrente) aspira – secondo la nostra impressione – a una bellezza incorruttibile. La sezione II o poemetto in XVI parti (Cabricia: la partenza) è quella ove si esplica la ‘mineralità’: coralli, diamanti, smeraldi, conchiglie... tutti elementi di una simbologia protesa alla persistenza, all’essere oltre la precarietà, con intuizioni fascinose, es. ‘canti di corallo’ (VII,5) e improvvise figure: ‘Un fiore rosso esplose alla finestra’ (XIV,1).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza