Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Viene posta la parola FINE (p. 88) alla trilogia su Calu: ma chi è esattamente questa misteriosa figura? Scrive G. Panella (prefazione, pp. 10-11) di ‘una prescrizione sacrificale riferita a Calu [...] divinità della morte’ in Etruria. Un ‘passaggio’ per gli Etruschi. Ma il poemetto in cinque canti ce ne rivela altri aspetti: desiderio ed eros, attrazione verso la profondità. Calu possiede un corpo (per es. II,IX v. 7), che può venire dalla pietra (I,X v. 9): molteplicità nell’uno, come la raffinata scrittura di Nesti, es. ‘il rémige coi remi’ (II,V v. 8) ‘Come tónfani verdi’ (IV,VIII v. 5; cfr. Bol. V-57). Ora che il ciclo appare compiuto, l’autore ha creato un suo mito, oltre che un’opera d’arte.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza