Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. La città come forma del pensiero umano è forse utopia, poiché spesso il suo espandersi ha funzioni esclusivamente pratiche: i testi della poetessa, con un tono riflessivo che si esprime nel verso ampio, considerano il paesaggio urbano quando il verde (cioè la natura) si trova sempre più confinato in aree ristrette. Lo stile, nelle cadenze ‘prosastiche’, presenta strofe dotate di una certa regolarità: emblematica la lirica ‘Città che si disegna di pigmento celeste’. In diversi casi la mancanza del punto che chiude la composizione sembra indicare una via d’uscita verso liberi spazi.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza