Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. La rigorosa forma del sonetto rivive con Piantini: quasi tutti a rime piane, con esempi di tronche (s. 48) o sdrucciole nel s. 40; qui si osservi che a tre rime perfette di cui due identiche (règola, tégola, frégola) segue un’assonanza (bazzecola). Le rime rispettano lo schema alternato o a chiasmo (fronte), stesse varianti nella sirma. Il primo verso del s. 26 ‘Che dire di questa Piombino briosa?’ si prefigura, volendo, come doppio senario. Tecnica consumata e contenuti elevati. Per il poeta scrivere sonetti è impulso irresistibile (s. 39), anche se la poesia interessa a pochi (s. 34).

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza