Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Di certo scrivere è una scelta, e per gli storiografi o la cronaca un racconto come ‘Ab hoste maligno defende me’ indica una determinata cifra compositiva; ma la chiarezza del dettato non è mai assoluta. Quindi anche al lettore si propone la scelta o comunque la libertà, sempre implicita in un libro: è questo il significato fondamentale da taluni disatteso in favore di una lettura passiva. Ineluttabile è perciò la scrittura, così ‘il destino è superiore alle nostre volontà’ — ma è già tutto scritto? Il dubbio proviene dall’intento costruttivo, che ne ‘La montagna di Pietro’ assume valore di paragone; il suo nitore prosegue in ‘Un rondone a punto croce’, altra testimonianza che rompe la solitudine.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza