Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Quel senso di arioso che traspare da queste poesie deriva probabilmente (anche) da una percezione dell’occhio: perché i contenuti se ne discostano, proponendosi in una loro linearità mutevole, dove spesso l’idea (o l’immagine) viene suggerita (Assenze); allora il segno strettamente figurale costruisce traslati che riassumono i concetti (Maria parla con Dio). Se un tono musicale esiste (es. in “Chiaro di luna”), se ne allontana per captare la fisicità delle cose: ‘Gli uomini si adagiano sul suolo ferroso’ (Il mare di Ostia, v. 8); con tutto ciò il tratto allusivo non si disperde, sempre condotto sul filo dell’identità.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza