Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Un diario, salvato dal cassonetto delle immondizie: nel prologo forse la filosofia dello scrittore (è nato e vive a Milano, nient’altro), il ’nulla eterno’ di foscoliana memoria. Sono ventisei giornate (in corsivo) dove vengono raccontati il lavoro, gli avventori, l’amore sperato — Gilda; intercalata la storia della vita, nel ricordo (in tondo): la guerra, il collegio, le esperienze amorose, il voler diventare scrittori (cap. Hemingway). Stile moderno, ma senza eccessi, appetibile, tra il dolce e l’amaro, con punte di umorismo — uno dei capitoli clou Progetti: equivoco o più esattamente confusione negli appuntamenti di una ‘donnina allegra’. Nell’epilogo – tre pagine – affiora la vena poetica (e il senso di attesa) dell’autore.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza