Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. La diplopia (doppia visione) più comune deriva dalla deviazione dell’asse ottico di un occhio. Di qui la supposizione che ‘diplopie poetiche’ siano visioni aggiunte, riflesso dell’oggetto reale. In effetti vi è in queste liriche qualcosa di sfuggente, forse per il consapevole uso di un linguaggio che svela ma non sempre rivela, più allusivo ma limpidamente definito: indicativa di tale stile la lirica Il baglio: ‘Sola, una voce | nell’ombra del vento’ (vv. 6-7) – tutto vi appare vago, etereo, ma profondo. A volte le strofe finiscono in rima baciata, es. La predica:

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza