Servizi
Contatti

Eventi


Saggistica. L’impiego bellico degli aerei nella grande guerra rappresenta quel periodo per così dire pionieristico, quando salire su un velivolo era di per sé un atto di coraggio: ancora in uso i dirigibili, abbandonati sul finire degli anni trenta. Gli articoli o saggi di vari autori qui riuniti offrono un panorama che non ci pare eccessivo definire ‘glorioso’. La guerra, pur coi suoi orrori, non aveva estinto il senso cavalleresco del duello, al punto che ‘al nemico caduto si porta, anche a rischio della propria vita, l’omaggio dei fiori lanciati sul luogo dell’abbattimento’ (S. Dan Lombardo, p. 113). Fra le biografie, tragica e singolare quella del pilota Aldo Finzi (F. Tardivello): ‘vice Commissario dell’Arma con amplissimi poteri’ sotto il fascismo (p. 160), cadrà poi in disgrazia. Catturato dai tedeschi, finirà fucilato con gli altri condannati alle Fosse Ardeatine (24 marzo 1944).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza