Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Si avvicinano allo spirito originario questi sessanta haiku, cioè la natura, presente già nel titolo col fiore. Formalmente, le due possibilità metrico-sillabiche risultano scambiabili. Per esempio: il verso del primo haiku ‘solo \ api^indaffarate’ con dialefe dopo la seconda sede suona più come ottonario anziché settenario (cfr. Chiare, fresche^e dolci^acque); nel II il v. 3 è ipermetro per l’accento in clausola (ce-le-ste^ar-mo-nì-a), così il v. 1 in IV ‘1Qua 2le 3no 4bil 5-6tà (tronca: due sillabe); ipometro il v. 3 di VII ‘lo scoiattolo’ (1lo 2sco 3iat 4tolo), salvo una improbabile dieresi sulla i; idem il v. 1 in XVIII ‘Bianche nuvole’; invece nel XXX si ha episinalefe tra v. 3 e v. 2 ‘[e]cheggia straziante’; cfr. pure XXXIV ‘[il] ricordo dei suoi baci’ . Diversi i casi, opportuni, di dialefe, es. XXXVI, perfino doppia: ‘1tra \ 2un 3on 4da \ 5e 6l’al 7tra’ (XLII).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza