Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Eminescu (Botosani 1850 - Bucarest 1889) va considerato il maggior poeta lirico rumeno. La sua poetica sembra riassumere le esperienze precedenti, ma senza pedissequa imitazione né epigonismo (cfr. Gli epigoni), facendo vibrare una sua inconfondibile voce in cui si fondono la classicità e temi quali la natura o l’amore, non limitandosi però solo a questi. Classicità che nasce da un’espressione viva, come nei sonetti, e con un travaglio tecnico e spirituale (cfr. Con immagini, pensieri) che realizza versi brevi o estesi ma quasi sempre ispirati: si veda lo stupendo sonetto ‘La discesa delle acque’. Si deve dare atto a Geo Vasile di aver tradotto con generoso impegno, ricreando un italiano ottocentesco e conservando là ov’era possibile alcune rime: se T. Arghezi scrive in una nota a p. 8 ‘che il lucchetto delle lingue non può essere aperto con chiavi straniere’, la bellezza è comunque qui percepibile malgrado i limiti imposti dalla traduzione.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza