Servizi
Contatti

Eventi


Prosa. Indecisi se porre il libro sotto narrativa (considerata la citazione dalla Duras) o saggistica, infine prosa — prosa è tutto, ci pare. Aforismi o indagine: c’è da scegliere. Ma è il ‘rito’ della scrittura (p. 5) a incuriosire per talune affinità psicologiche. Certe asserzioni si riferiscono ad alcuni, altre ad altri: ognuno vedrà di identificarsi, perché un’omologazione, qui, risulta impossibile, né l’autore – si suppone – la vorrebbe. Libro non diciamo importante (p. 50), forse utile, per guardarsi dentro e poi, se si vuole, continuare a mentire. Nella II parte il ricordo: si era, non si è più, si è ora, o si è tutto ciò che siamo stati fino al presente; anche gli avvenimenti, una volta trascorsi, non sono più riproducibili. Secondo l’ultimo brano che dà il titolo al volume pare proprio che non si possa sfuggire al ruolo imposto dalla collettività.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza