Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Scrittore dotato di solido mestiere, Insardi sa usare la prosa anche nelle forme più avanzate, per esempio nel discorso diretto. Sotto uno stile piano e accattivante si presume però lo strato profondo: non sempre la religiosità è disgiunta dalla superstizione. I simboli (p. 26) a volte condizionano veramente. I piani narrativi qui si intrecciano tra fasi oniriche e realtà, come nel capitolo ‘Il doppio sogno di Mario’ (cfr. A. Schnitzler). Inquietudini generate dalla numerologia – che pure nel Cristianesimo ha qualche referenza – e da taluni pregiudizi: quello del gatto nero pare avere origini medievali. L’autore sa non solo attrarre il lettore, ma lo fa divertire, ed è questo uno dei pregi maggiori di chi scrive. Come pezzo particolarmente riuscito citiamo ‘Incontro col confessore’. La vicenda si chiude con un ‘lieto fine’ che fa svanire i nefasti presagi.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza