Servizi
Contatti

Eventi


Saggistica. Marini (Pistoia 1901 - Viareggio 1980) è stato fra i maggiori scultori del Novecento. I testi di questo ‘volumetto sono tratti da interviste rilasciate in varie occasioni’ – appunti vivi, perciò, attraverso i quali viene testimoniata l’apertura mentale dell’artista: ‘Non c’è differenza, per me, fra scultura astratta e figurativa’ (p. 19). La sua ‘eccezionale memoria’ dell’arte antica è indubitabile, vedi Marina e Pomona. Poi diverse ‘teste’, fra cui Stravinskij (1951): per la Sacre Marini realizzerà, un anno dopo la morte del musicista, costumi e scenografie. L’evoluzione dell’artista procedette poi verso forme nuove, fino a pervenire alla ‘Idea di un’immagine’ sul finire degli anni Sessanta.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza