Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. L’essenzialità d’apparente matrice ungarettiana è percorsa da spunti lessicali d’uso poetico, al limite onomaturgici; ess. onnilucenti (p. 25) frali (p. 28) rossito (p. 53). Di qui l’ascendenza ermetica arriva alla rarefazione di una lingua in cui vibrazioni e significati sono pronti ad espandersi (Domenica). Nel caso dei poemetti in più parti – valga per tutti Pescara tragica – quei caratteri vengono mantenuti penetrandone gli elementi centrali, ridotti perfino a senso oggettivo. Ma nei paesaggi si riflette la compiuta idea/immagine del luogo.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza