Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Le tre figure femminili sono legate da un fil rouge non solo narrativo. Rebecca: il linguaggio scatologico definisce una condizione che infine, attraverso la violenza, viene ‘proiettata nel nero dell’ignoto’. Anche in Rosanna – capp. IV-VIII, poi ripresa in X-XI – vi sono terribili conseguenze: con scene di forte tensione la tragedia si consuma in modo imprevisto. Ad Anna è dedicato il cap. IX, ma non minore ne è la pregnanza. L’autrice del romanzo è ‘pranoterapeuta di Spirito’ ed è quasi naturale che il misterioso dono di Anna faccia parte della storia trovando referenza nella religiosità di fondo.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza