Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa ed epistolario. Céline (il cui vero cognome è Destouches: Céline in it. Celina) è ancor oggi letto per via del capolavoro Viaggio al termine [bout] della notte (1932). C’è una singolare contraddizione fra il Céline pacifista (cfr. p. 29) e lo scrittore di libelli antisemiti, sostenitore del nazismo tanto da venire condannato per collaborazionismo. Il racconto e le due lettere indirizzare all’amica d’infanzia Simone Saintu – inediti per l’Italia – sono di notevole importanza per capire le origini di uno stile personale (anche formalmente) come pochi. Intuizioni geniali affiorano qua e là, insieme all’indecisione di una scelta definitiva: si noti poi come le tendenze antisemite già si rivelino nella lettera del 25-X-1916.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza