Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Orteseo è la traduzione in lingua veneta dell’Hortulus (esattamente: De cultura hortorum sive Hortulus) di Walahfrid detto Strabone (Svevia 808/809 - Loira 849), autore tra l’altro di esegesi bibliche, agiografie e poesie latine: il poemetto in questione si compone di 444 esametri. Il Bergamo ne ha curata la trasposizione in endecasillabi e, occorre dirlo, con un certo armonioso risultato – malgrado le difficoltà che insorgono in operazioni di questo genere – al punto che rimane quell’aura mitologica originaria: ‘O musa Erato, che col canto too’ (XIV. Sarfoia salvadega, che sarebbe il cerfolio). Soluzione apprezzabile: nella metrica barbara l’esametro avrebbe invece diverse possibilità traspositive.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza