Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Serpeggia l’inquietudine nei nove racconti di Narciso: forse specchio dell’io o riflesso del mondo. La ricerca si dirama in più direzioni, ma spesso troviamo un sentimento di incomunicabilità, d’impossibile comunione spirituale oltre l’amplesso dei corpi (Notte e giorno, p. 46). La storia del vecchio marinaio ha qualche affinità con Daniel Orme di Melville. Altrove s’insinua un malessere che fa d’ogni vita un monologo. Nell’ultimo racconto (Marco), il più lungo, la memoria dei luoghi prepara il ritorno al punto d’origine come ‘uno dei tanti atomi della natura infinita’ (p. 84).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza