Servizi
Contatti

Eventi


Saggistica. La figura di Alessandro Sinigaglia (Oleggio Castello 1921 - Arona 1990) è di non facile classificazione, tanto da suscitare anche reazioni negative: ma ‘questo libro ci voleva’ (P. Gibellini) non solo per un fatto di memoria ma di cultura: Si tratta ‘Di babelico idioma passeggero’ (citando dal poeta) o lingua da plasmare nelle sue infinite possibilità con una logica individuale? Siamo piuttosto per la seconda ipotesi. La quantità di vocaboli, obsoleti, onomaturgici, univerbati, ecc. è impressionante: ancor più lo è la volontà creativa. Davvero esemplare poi l’analisi metrica di alcuni testi (iniziando da Il flauto e la bricolla, 1954) del Sinigaglia nella ‘Lettera non spedita a Luigi Baldacci’.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza