Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Le liriche anepigrafi, probabilmente per un’idea di diario, evitano quelle difficoltà semantiche che si incontrano in testi più sofisticati. La naturalezza del dettato qui prende le mosse da una vicinanza al paesaggio interiore, mantenendo il senso originario della personalità che nei suoi rapporti con il mondo esterno trova ispirazione per ‘versi creativi’ (p. 13) senza ignorare la realtà trascendente (p. 15). Pagine con metafore accessibili per il loro implicito messaggio. C’è un disegno del maligno (p. 31) dietro le cose? Occorre allora guardare con occhio puro ed ‘esaltare la beltà’ (p. 39).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza