Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Racconti dal vero: ‘che cos’è la verità?’ (Giov. 18:38). L’autrice, che ha esordito positivamente con la poesia (v. Silentes anni), prova ora con la narrativa e con esito eccellente: prose brevi, ma che, per stile e contenuto, si riallacciano ai testi poetici. Il sottile senso di mistero – le epigrafi da Borges o da Maupassant con particolare riferimento a Le Horla sono indicative – si insinua e crea presenze ineffabili (In limine) trovando rispondenza nel passo ‘Tutto è reale nelle menti impenetrabili’ (Matrjoska, p. 38: fa pensare al ‘sogno nel sogno’). A sé l’originale Il castello (Kafka qui non c’entra). Pur di poche pagine, i racconti sfuggono al bozzetto proprio per un’implicita profondità, quasi filosofia.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza