Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. È quasi certo che i narratori italiani, a differenza di quelli stranieri, sono più portati al racconto anziché al romanzo. Lo confermano queste diciannove ‘storie’ sospese fra realtà (anche ricostituzione della memoria come nelle ‘storie del tempo di guerra’) e fantasia; si sa che gli scrittori possono trarre dall’una e dall’altra, mescolando gli elementi al punto che forse neppure loro riescono a districarli. Vicine comunque a fatti reali o possibili, le ‘storie’ della Berra sono condotte in modo impeccabile e riservano conclusioni talvolta inaspettate. Fra gli esempi probanti di questa scrittura (già avemmo modo di apprezzare il precedente libro dell’autrice) La soffitta, di forte impatto emotivo (p. 73), e Purga!, vivace quadretto che appartiene alle ‘storie messicane’. In copertina A blu, e non rossa come in Hawthorne.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza