Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Emerge spesso il tono dolente in liriche anepigrafe, come momenti di una riflessione che concettualmente circoscrive il mondo interiore dove gli accadimenti esterni vi si rispecchiano; l’osservazione è penetrante: ‘Sulla linea dello sguardo | tutta la bellezza è ombra’ (p. 67); ciò s’intravede oltre l’opacità delle cose, di luoghi senza luce, quando memoria e sogno e ideale riescono a infrangere l’ostile realtà per situarsi a un livello spirituale. La beltà, forma intangibile che nasce dalla parola, trova l’acme nei testi descrittivi, es. a p. 46; se la purezza è emblema, l’immagine si rifrange al suono evocativo: ‘spirali d’oro | di una cetra antica’.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza