Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Ciascun libro dell’autore possiede una propria particolarità, ma tutti riportano in quarta di copertina una puntuale nota critica di Renato Minore. In questa silloge la suddivisione in sette parti fa presupporre scelte tematiche diverse, anche se per il singolare stile che connota i testi sta sottesa un’unità verbale e non di rado concettuale. Si incrina il senso: ‘L’aforista ribatte: | a che serve la neve?’ (Enoteca triste). La parola è in grado di auto-rappresentarsi in quanto lo strumento diviene finalità, e spesso va oltre la semplice metafora se ‘Gli alfabeti si incrociano’ (Stagioni). A proposito della parte IV (Embrioni): il tracciato sembra procedere in direzione inversa di quel che avviene in Satie — non si recuperano le strutture del passato, e solo la versificazione darebbe adito a qualche ritorno, ma con un ampliamento dei significati come si profila nel finale di Attese.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza