Servizi
Contatti

Eventi


Cupido nella rete

Narrativa. La storia potrebbe assomigliarsi ad altre che accadono in rete, ma vi sono non pochi elementi che la rendono particolare. Lilli, colei che intraprende l’avventura del corrispondere (chat) con una persona virtuale, almeno in un primo momento, appare piuttosto attenta se non addirittura sospettosa di certe trappole, ma alla fine cadrà nella rete (come si vede certi modi di dire diventano di attualità anche in un argomento così moderno), venendo attratta da lui (Sam) gradualmente, per poi arrivare a una conoscenza de visu.

“Come ci si può innamorare di una sagoma interposta dallo schermo?” si chiede l’autrice. Proprio qui sta il punto: l’innamoramento è sempre virtuale. Non amiamo la persona in sé ma la sua immagine che si viene creando nella nostra mente, e ovviamente vi concorrono non poco le doti fisiche o quelle intellettuali: un amore quindi che non tiene conto delle riserve che una certa prudenza impone alla ragione. Ma l’amore, o meglio l’innamoramento, non è ragione. Il cuore ha ragioni che la ragione non conosce, più o meno dice così Pascal. Dell’eros quindi esiste una parte che vorremmo definire metafisica, peccato però che la realtà frantumi spesso le architetture mentali, specialmente in chi si accorge che il sogno è finito.

Rimane allora la finzione, e questo accade anche a Lilli, or dunque la scelta è fra l’immaginario e la concretezza, e nel caso specifico si consuma una vendetta che vede i ruoli capovolti. Un romanzo che attira come un vortice, poiché in fondo rispecchia molte vicende che sono simili, quindi ci riguardano da vicino: si inizia la lettura e si deve proseguire. In quanto a ciò che qui si intreccia, sentimento e delusione (ma l’amica Anna aveva dato un preavviso), pare che la memoria di un computer ne neghi l’oblio (p. 67): a volte un misericordioso oblio può essere la soluzione.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza