Servizi
Contatti

Eventi


Saggistica. I pensieri di un artista risultano sempre interessanti, pur se non sempre vanno presi come infallibili (sono note le discutibili opinioni di Stravinski). In Braque (1882-1963) si registra per una coerenza che va comunque separata dall’esito artistico. ‘Il soggetto non l’oggetto’ (p. 3), ma, a suo dire, ‘una nuova unit’. Un indubbio equilibrio nel concetto espresso durante una conversazione con Gaston Diehl nel 1945: ‘amo la regola che filtra l’emozione’, e questa una sua scelta. Sul metodo pittorico – per esempio la ‘scomposizione’ – scrive ‘che dapprima si verifica un’impregnazione, seguita da allucinazione’ (p. 10). Altra scelta: ‘Il dipinto si materializza nel contatto con la natura’ (p. 20). E si direbbe nichilista l’asserzione ‘L’arte aspira al nulla.’ Forse un’idea ampiamente accettabile: ‘Impegno dell’artista non dovrebbe essere convincere persone, ma indurle a riflettere’, il che si attaglia perfettamente ai suoi quadri.

Recensione
Literary 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza