Servizi
Contatti

Eventi


Dro la msica del vento | Guidati dalla musica del vento

Poesia. La silloge riporta poesie in dialetto vicentino urbano con traduzione in italiano a fronte. interessante notare come tra due lingue (a nostro parere anche un dialetto pur se in un’area circoscritta una lingua con le proprie regole grammaticali) si instauri una differenza a volte di vocaboli non facilmente traducibili.

Il primo esempio lo abbiamo fin dal titolo: Dro la diventa tradotto Guidati, mentre le altre tre parole sono uguali all’italiano. Non c’ dubbio che diversi dialetti veneti col tempo si sono avvicinati all’italiano pur mantenendo una loro distinzione. Ma Dro nel secondo verso della poesia (A sdes’ani | A sedici anni) prende una differente accezione: “Dro del cane” > “Lungo il fiume” — il che significa che la traduzione non solo modifica in senso letterale ma ricrea in certo qual modo il testo.

L’autrice quindi riesce a esprimere poeticamente i suoi temi in ambedue le lingue differenziandole e, nel complesso, quasi integrandole. Non va dimenticato che la Scarparolo appartiene al Cenacolo dei Poeti Dialettali Vicentini e questa la dimostrazione di una raggiunta perizia nella scrittura ‘dialettale’ per via di accenti e segnali fonetici che si incontrano pi raramente nella lingua nazionale.

Recensione
Literary 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza