Servizi
Contatti

Eventi


Eratoterapia

Poesia. Chi possiede una certa cultura classica non farà fatica a comprendere il significato del titolo, d’altronde opportunamente spiegato dal prefatore. Nella ‘lettera’ per Marta, Nonno Roberto scrive: “Credo che sia possibile curarsi con la poesia, per vincere le paure, stati di sofferenza, per stringere sogni che passano in volo, per divertirsi.”

Il che significa che la poesia svolge diverse funzioni secondo lo spirito o lo scopo con cui viene composta. Può essere difficile – nella società odierna – fare il poeta e anche il nonno, ma chi come Mosi propone dei valori affronta con coraggio questi ‘ruoli’. La poesia è in primo luogo un esercizio di libertà, il desiderio di altri spazi poiché “libera vola | parola - poesia”.

Ne L’arcobaleno dopo il temporale si percepiscono i suoni, “l’aria si fa iridescente | germogliano archi | di luce” ed è questa essenza luminosa a cogliere l’intima propensione del verbo creativo e a sviluppare allegorie che pur nell’idea generale si evidenziano in piena luce come ne Il sentiero oppure ne Le stanze della memoria: qui potrebbe esserci un rimpianto per ciò che poteva essere e non è stato, quasi che una tale mancanza disperda una identità rispecchiata in un sentimento collettivo, e non è necessario guardare ai giorni passati ma piuttosto scendere nel tempo per capire il percorso dell’umanità, una storia spesso scritta con il sangue.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza