Servizi
Contatti

Eventi


Freinademetz. Il Santo delle Dolomiti

Saggistica. Ci sono santi meno noti che pure, alla lettura della loro vicenda umana e spirituale, suscitano immediatamente simpatia. Uno di questi è Giuseppe Freinademetz (1852-1908): Giuseppe in ladino è Ujöp. Come si sa il ladino è un ‘dialetto’ neolatino con diramazioni e varianti in precise aree di parlanti e di scriventi, come risulta da A. Piazza Nicolai. Nato in un maso di Oies, nel comune di Badia (Bolzano) il Nostro sembra incarnare per i suoi trasferimenti un punto di incrocio fra diverse culture, scriverà infatti in un italiano ‘incerto’ ma sufficiente a dimostrare il suo animo fidente.

Nel 1878 entra nell’Istituto dei Padri Verbiti, il cui nome sta a indicare il “Verbo di Dio” e quindi la relativa diffusione. L’anno seguente si trasferisce in Cina, in un momento non favorevole alla predicazione della religione cristiana, che verrà osteggiata con atti violenti e uccisioni. Si sente così vicino al popolo cinese al punto di assumere i loro costumi e prendere il nome di Fu Shenfu (fu felicità; shenfu sacerdote). Il periodo peggiore fu quello di fine anni novanta, quando avvenne la rivolta dei Boxer, poi domata da una spedizione internazionale che a sua volta produrrà “devastazioni e violenze”. L’anno prima della morte si ammala di tifo.

Nel 1975 papa Paolo VI lo proclama Beato, e nel 2003 viene proclamato Santo da Giovanni Paolo II. Si coglie perfettamente il suo sguardo umile e intriso di bontà nell’incisione in linoleum di H. Oberstaller (1945). Scrive il Santo: “Io amo la China e i Cinesi e vorrei morire mille volte per loro”. Una testimonianza che poteva lasciare ai posteri solo chi era destinato alla santità. Il libro è riccamente illustrato e chiaro nella parte saggistica: ci ha fatto il dono di conoscere la vita e le opere di una persona straordinaria.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza