Servizi
Contatti

Eventi


Il marito paziente

Narrativa. Introducendo questo romanzo l’autore si augura “che nessuno pretenda di riconoscersi”, forse perché non pochi sono i mariti che portano pazienza lamentandosi delle rispettive consorti. Considerando il romanzo nel suo insieme c’è da rilevare una struttura anomala, indubbiamente originale, in cui si intrecciano messaggi e oroscopi in un contesto temporale che parte dal 1973.

Il protagonista ha scelto una moglie assai più giovane di lui, e questa può essere un’arma a doppio taglio. Ma è il rapporto con Serena a risultare piuttosto complicato, con vari periodi e anche ritorni, in un alternarsi di situazioni senza avere certezze. Siamo nel 1978, l’autore scrive in questa specie di diario annuale: “Nelle parole diverse mi ritrovo uguale, neppure di un capello sono mutato” e ciò indica uno stile, se pur non conosciamo i precedenti lavori di Nigri. Se l’idea rimane pressoché identica, è l’aspetto corporeo a cambiare, poiché il tempo passa e lo stesso protagonista se ne accorge (1990).

Quindi, e siamo nel 2000, “lottare con l’invecchiamento” è sempre una battaglia persa. Poi si va in pensione nel 2006 e parafrasando le intenzioni espresse potremmo dire: così deve essere (Ess muss sein). Uno spunto sulla editoria di oggi lo troviamo nel decimo capitolo, e in effetti non siamo lontani dal vero. Le ultime tre pagine rappresentano una summa del romanzo: tanti sono i modi per esprimere quella malinconia che troviamo in ogni rapporto d’amore.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza