Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Esiste una ‘faccia da scrittore’? A p. 2 si vede una foto, sguardo quasi in tralice, fumatore (‘mi accendevo una sigaretta’ p. 12). Blaise Cendrars, pseudonimo di Frédéric-Louis Sauser: e anche questo è tipico di alcuni scrittori. Nasce in Svizzera nel 1887, ancora quindicenne fugge di casa: inizia il suo nomadismo. Muore a Parigi nel 1961. Proprio questo racconto, apparso sul settimanale Candide nel 1938, ma inedito da noi, è la storia di un viaggio su un cargo nell’Atlantico del Sud. Viene da pensare a uno spoglio resoconto, invece no — e qui esce la stoffa del narratore che vive nella realtà, ne è perfino abbagliato, ma a suo modo la trasfigura: molte annotazioni infatti risultano di un’acuta percezione descrittiva e traslata, come a p. 20 dove il ‘rame in fusione’ (al crepuscolo) ‘si miscelava al luttuoso viola delle acque’.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza