Servizi
Contatti

Eventi


L’eredità della scienza

Poesia. La struttura ‘tecnologica’ dei testi deriva (forse) da una professione o dalla tendenza implicita nel poeta: si rendono quindi opportune le note poste alla fine di ogni sezione, affinché il lettore possa penetrare nella parte concettuale-informativa. Ma il panorama non oblia la natura: “distinguo da solo il rumore | dalla melodia del fiume” (L’alieno). “Lo scienziato non può prescindere dalla filosofia più alta dei valori morali” (nota 10 a Sonni futuri).

L’autore definisce ‘lirica’ (sostantivo) la sua poesia (nota 16 a Heisemberg invade l’Umanesimo). Una parte di jeu la troviamo ne L’opale scuro di liquirizia, ma è complesso applicare le leggi stocastiche alla scrittura; comunque cfr. I. Xenakis. La pagina assume un suo movimento nel calligramma Nozze di piuma, mentre la inventio nasce da particolari connessioni, es. “Sesso-melograno” (Tensioni superficiali su acque ideali). C’è quindi un senso nello scrivere, e anche nel leggere (Il cann-occhiale di Charlie). La poetica di Baiotto sembra conciliare gli estremi in una cifra stilistica strettamente personale e intimamente comunicativa.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza