Servizi
Contatti

Eventi


L’etica delle formiche

 

Narrativa. Il titolo stimola una domanda: possiedono un’etica le formiche? Solo un grande mirmecologo come A. Forel (Le mond social des fourmis) avrebbe saputo rispondere.
Nel romanzo il senso viene traslato. Figura centrale è Rosa. E si inizia con un lutto. Quindi la storia si snoda, veloce ma precisa in ogni dettaglio, anche stilistico (nel parlato, certe forme, es. c’hanno). Attenzione anche ai luoghi, come in quel di Ferrara. La tensione narrativa è costante, specie quando vi si aggiunge lo stupro (Alida). Numerose le difficoltà dei personaggi, specialmente economiche, che devono trovare risoluzione. Si mettono a confronto tra uomo e donna due concezioni dell’amore (capp. 56 e 63). La nostra condizione fisica mira alla spiritualità, forse per noi troppo difficile: sarà la donna a salvarci?
Un romanzo perciò vivo, ricco di dialoghi, che segue un filo logico e trascina con sé il lettore. L’autrice è nata a Cadorago (Como). Quando? C’è una data coincidente (cap. 17).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza