Servizi
Contatti

Eventi


Saggistica. Cristina Contilli ha in progetto la ‘pubblicazione di un’edizione, il più possibile completa, dell’epistolario’ di Silvio Pellico: un corpus epistolare che potrebbe rivelarsi di straordinaria importanza storico-documentaria. Nel saggio presente è tracciato anche un profilo della Rosellini, poetessa che il Pellico considerò (cfr. lettera del 26-IX-1838). La tragedia I Pargi, a quanto ci è dato vedere da stralcio a p. 3, è in endecasillabi, per la verità non malvagi, ma un verso come ‘Che niuno sarà che all’amor mio t’involi’ è ipermetro. La Rosellini (Firenze 1789 - Lucca 1859) ha una produzione poetico-drammatica che senz’altro andrebbe rivisitata. L’ampia bibliografia, reperibile anche in internet, è indicativa in tal senso. Interessante la romanza alle pp. 27-28 Le voci del Creato su testo di Pellico e musica di G. S. Mercadante. Conclude il saggio il capitolo ‘La circolazione degli autografi di Silvio Pellico dall’800 ad oggi...’

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza