Servizi
Contatti

Eventi


L’impronta del tempo

Narrativa. Il tempo può influire sui termini del linguaggio ma non nella creazione vista nell’ottica che le appartiene. Ci sono diverse soluzioni nei racconti di Nesti, per esempio il considerare che anche gli oggetti hanno una loro fine così come ogni cosa umana. Ma altri elementi sono da segnalare: nello stile si condensa un modo di essere per cui è proprio la narrazione a originare gradualmente la verità, e ci pare che non vi sia poi troppa differenza cronologica dal punto di vista della scrittura, una solidità anche concettuale (A volo d’angelo).

In altri racconti emerge la capacità di fluire lungo una linea che può rimanere ‘sospesa’, cogliendo l’attimo e componendo i frammenti di quella realtà che altrimenti andrebbe dispersa. Dalla prospettiva personale poi si sente come l’autore riviva appieno certe esperienze, che ritroveremo peraltro ma in diversa disposizione nella sua opera poetica.

Quale pietra di paragone per uno sviluppo più ampio è significativo il romanzo rimasto incompiuto. In appendice due brani rappresentativi di certi ambienti, siano essi editoriali e d’altro tipo, e che il narratore non sia privo di un humour che sfiora il paradosso viene dimostrato dall’ultimo pezzo della raccolta, una allettante Offerta speciale.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza