Servizi
Contatti

Eventi


Prosa. L’uomo delle trasparenze è una raccolta di ‘pezzi’ che proseguono lungo una linea familiare e culturale, attraverso viaggi – reali – e la saggezza che proviene dall’esperienza (Quando ero pazzo). C’è pure un intervento psicologico (Quis ut deus?) fra la varietà di ‘proposte’: uno stile maturo, per la scioltezza e precisione linguistica. Alcuni riferimenti ai sogni, che secondo l’autore ‘sono prodotti da stati emotivi’ (Il logoramento del tempo): nella loro misteriosa – per ora – dimensione sta forse la chiave per cogliere l’autentica personalità di un individuo. Si legga Il viandante e il pettirosso per capire che certi vincoli vanno oltre la nostra logica. Infine, non si può che essere d’accordo col Giunta quando riporta un passo – che tutti dovrebbero conoscere – da Platone (p. 87).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza