Servizi
Contatti

Eventi


Magia di attese

Poesia. Una snella raccolta e anche indirizzata a un tema ‘familiare’ riesce, come in questo caso, a darci la misura di un’autrice che senza tradire il carattere fondamentale del suo stile è in grado di rinnovare in un territorio linguistico sempre più raffinato i valori espressivi e formali. Prese una a una, le liriche mostrano una densità di linguaggio che deriva dalla capacità di ogni singola parola di ‘riverberarsi’ e da unità semantiche secondo l’uso tecnico del trattino, sicché nel breve giro di un verso si viene a conoscenza di una quantità di informazioni che compendiano e definiscono il soggetto: “magistra-fanciulla-corista”.

È stato già notato in sede critica che questo “universo emozionale” non cade mai nella leziosaggine mantenendo la piena facoltà di una scrittura lucida e cristallina, diciamo anzitutto creativa in quanto la parte figurale si estende all’interno del significato e lo esalta al massimo grado. Ma, volendo scrutare sino in fondo la magia implicita nell’autenticità dei sentimenti, si rileva inoltre una profondità su due piani: quello intimo degli affetti e quello proiettato in direzione cosmica o metafisica: è davvero uno “scrigno verbale” che schiude le sue meraviglie e nel contempo ci fa partecipi di una realtà superiore concretizzata nell’armonia del mondo. Una poesia che si libra su “ali d’ardore e fantasia” e traduce la nostra umanità e il nostro essere perituri in un “domestico cielo” in cui ogni cosa perduta potrà ritrovarsi.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza