Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. La ‘collana poetica itinerante’ intende ‘individuare poeti emergenti’ — scopo pienamente raggiunto, almeno con la raccolta di Sara Comuzzo. Sull’autrice sappiamo ben poco, ma è sufficiente il testo per dirci che siamo di fronte a una poetessa singolare, la cui scrittura attinge dalla ‘quotidianità’ fino a esprimersi nell’elenco (Cose che accadono), mentre le metafore si spostano su un piano astratto: ‘Il ragazzo oscuro suona trichechi’ (Dai muri e dalla città). La spericolata creatività arriva a costruire una composizione quasi esclusivamente con i verbi (Kenya 2007). Ma se le parole possono usarsi come coltelli (cfr. Condivisione gestuale), mettono a nudo ciò che veramente si vuole. A volte un fiore lirico perfora la dura superficie linguistica: ‘è rimasta impigliata in un sole notturno che non | voleva sbocciare’ (a e.).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza